Crea sito

Emanuela Orlandi, Mons. Becciu: “Per noi il caso è chiuso”

Trentaquattro anni dopo la scomparsa di Emanuela Orlandi, la famiglia fa una mossa che potrebbe portare a risultati clamorosi. Per la prima volta nel documento che è stato depositato lunedì 19 giugno presso la Santa Sede, si parla ufficialmente ed esplicitamente di un «dossier» custodito in Vaticano. Seguirà la pratica lo studio dell’avvocato Annamaria Bernardini de Pace nella persona dell’esperta rotale Laura Sgró.

In due riprese, nel 2012 e successivamente nel 2015, i “corvi” del vaticano sottrassero numerosi documenti riservati che vennero poi pubblicati dai giornalisti Gianluigi Nuzzi ed Emiliano Fittipaldi ma nessuno si era mai chiesto se fossero stati gli unici e tutti.

Nel frattempo il sostituto per gli affari generali della segreteria monsignor Angelo Becciu è categorico nell’affermare: “Abbiamo già dato tutti i chiarimenti che ci sono stati richiesti. Non possiamo fare altro che condividere, simpatizzare  e prendere a cuore la sofferenza dei familiari però per noi è un caso chiuso. Non so se la magistratura ha qualcosa ma noi non abbiamo niente da dire in più rispetto a quanto detto tempo fa“.

approfondisci sul Corriere della Sera (Fiorenza SARZANINI) articolo 19/06/2017, articolo 20/06/2017

(Agenzia Vista) Roma, 19 giugno 2017 Fonte: Vista Agenzia Televisiva Nazionale  / Alexander Jakhnagiev

Print Friendly, PDF & Email

9 Risposte a “Emanuela Orlandi, Mons. Becciu: “Per noi il caso è chiuso””

  1. Per voi il caso è chiuso,ma non vi vergognate,sino ad oggi non è chiuso un bel niente la gente inizia a ragionare con la sua testa x fortuna,e si indigna quando senti parlare così.

    1. Mi associo al tuo punto di vista, Simona: sono parole, quelle di Monsignor Becciu, che moralmente fanno VOMITARE !!!

  2. “Per noi il caso è chiuso”, queste le ciniche e raccapriccianti parole di monsignor Angelo Becciu.
    2000 anni fa il procuratore Ponzio Pilato se ne lavò le mani del sangue dell’innocente Cristo; adesso quel personaggio di cui sopra se ne lava le mani della tragica sofferenza trentaquadriennale di una famiglia.
    Che cosa è cambiato da allora? Nulla, praticamente nulla !!!
    Carissimo Pietro, oggi pomeriggio con il CUORE anch’io manifesterò nella romana Piazza Papa Giovanni XXIII: Amico…NON MOLLARE, NON MOLLARE MAI !!!
    Lo impone il DIRITTO a conoscere la verità sulla sorte di Emanuela.

  3. Pietro ciao. Sai perché per loro è un caso chiuso? Perché Emanuela non era né una loro nipote né una figlia di qualche capoccione loro amico. E una vergogna italiana il caso di tua sorella paragonabile alle stragi impunite a cui abbiamo assistito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »