Relazione della Commissione Parlamentare d’inchiesta sulla Loggia Massonica P2

(legge 23 settembre 1981, n. 527)

IX LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI — DOCUMENTI

I N D I C E

INTRODUZIONE

CAPITOLO I
L’ORIGINE E LA NATURA

I – La massoneria di Palazzo Giustiniani e le altre « famiglie » massoniche
II – La prima fase della Loggia P2: dal 1965 al 1974
III – La seconda fase della Loggia P2: dal 1974 al 1981
IV – Licio Gelli, la Loggia Propaganda 2 e la massoneria. Conclusioni

CAPITOLO II
L’ORGANIZZAZIONE E LA CONSISTENZA

I – Il sequestro di Castiglion Fibocchi
II – Autenticità ed attendibilità delle liste
III – La struttura associativa della Loggia P2
IV – La posizione personale degli iscritti

CAPITOLO III
I MEZZI IMPIEGATI E LE ATTIVITÀ SVOLTE

Sezione I – Gli apparati militari ed i Servizi segreti.
I – La documentazione anteriore all’informativa COMINFORM
II – L’informativa COMINFORM ed i suoi sviluppi
III – La documentazione successiva all’informativa COMINFORM
IV – Analisi dei documenti
V – Gli apparati militari. Conclusioni

Sezione II – I collegamenti con l’eversione.
I – I contatti con l’eversione nera
II – Considerazioni conclusive
III – L’affare Moro

Sezione III – La Loggia P2, la pubblica amministrazione e la magistratura.
I – I rapporti con la pubblica amministrazione
II – I rapporti con la magistratura

Sezione IV – Le attività economiche.
I – Il mondo degli affari e l’editoria
II – I rapporti internazionali

CAPITOLO IV
LE FINALITÀ P E R S E G U I T E

I – La Loggia P2 e il mondo politico
II – La Loggia P2 come associazione politica
III – Il piano di rinascita democratica ed il principio del controllo
IV – Conclusioni

CAPITOLO V

CONSIDERAZIONI FINALI E PROPOSTE 

INDICE DEI NOMI

Precedente Sit in per Emanuela 22 giugno 2018 Successivo Pietro Orlandi racconta la storia di 35 anni.

Un commento su “Relazione della Commissione Parlamentare d’inchiesta sulla Loggia Massonica P2

  1. MARIA GRAZIA GROSSI il said:

    La lettura della relazone è senz’altro impegnativa,ma assai interessante per chi
    ha vissuto in quegli anni. Ci si rende conto che la sensazione di intrighi e misteri
    che si percepiva era quanto mai realistica.
    Sorprende la capacità di Gelli di tessere impunemente e a lungo pericolose ragnatele in ogni ambiente.
    Conforta la constatazione che, nonostante tutto, il tessuto democratico del nostro Paese ha retto.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.