Pietro Orlandi continua la sua battaglia e rilancia una nuova Petizione

Una Petizione a Papa Francesco per tenere sempre alta l’attenzione sul caso di Emanuela Orlandi e sul diritto alla Verità e Giustizia per ogni singolo cittadino.

Come è giusto che sia, Pietro Orlandi non si ferma e riparte da una nuova Petizione. Dopo aver indirizzato le precedenti richieste a Papa Ratzinger, al Segretario di Stato Vaticano e al Presidente Mattarella, questa volta si rivolge direttamente a Papa Francesco a cui chiede il Diritto alla Verità e alla Giustizia per il caso tristemente noto di sua sorella Emanuela, cittadina vaticana, ormai trascinato da quasi 34 anni in un vortice di menzogne, piste false e presunti colpevoli.

La nuova Petizione, che è on-line sul blog a lei dedicato e sulla piattaforma change.org già da qualche settimana, ha superato ben 37.000 firme nonostante non sia stata supportata dai media in maniera particolare, come Pietro stesso dichiara ai microfoni di Radio Radicale. Nell’intervista telefonica rilasciata il 26 aprile scorso, Pietro ancora una volta torna sull’argomento trattato nell’ultima scena del Film di Faenza, “La Verità sta in Cielo”, in cui si evidenzia la “trattativa” avvenuta tra un rappresentante della Santa Sede e un Magistrato. Per chi non avesse avuto modo di vedere il Film, la scena riporta l’incontro, realmente accaduto, tra i due personaggi in un museo, nel corso del quale il prelato spiega di non voler/poter procedere con l’azione di spostamento dell’insolita sepoltura di Enrico “renatino” De Pedis in Sant’Apollinare, per evitare pettegolezzi e dicerie che avrebbero potuto creare imbarazzo alla Chiesa. Da quell’incontro ne scaturì un accordo, in base al quale in cambio della richiesta di far operare alla Procura di Roma tale operazione, la Chiesa si sarebbe impegnata a consegnare al magistrato un dossier secretato in Vaticano sul rapimento di Emanuela.

Il dossier, chiamato “Rapporto Emanuela Orlandi” e presente sulle scrivanie vaticane già nel 2012, non arrivò mai in Procura probabilmente perché in esso contenuti passi importanti dell’accaduto che avrebbero svelato almeno in parte la responsabilità del Vaticano sulla triste vicenda.

Petizione
Petizione per Emanuela

Il film è stato scelto dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per celebrare la “Giornata Internazionale del Diritto alla Verità” ed è stato proiettato nella prestigiosa sala grande della Cinémathèque di Parigi lo scorso 28 marzo, per volontà  dell’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles alla presenza del regista, del fratello di Emanuela e del Magistrato che fu a capo dell’inchiesta Giancarlo Capaldo, che non ha voluto firmare l’istanza di archiviazione.

E’ su quelle carte che non arrivarono mai in Procura che si concentra la richiesta di Pietro, carte che potrebbero se non chiarire totalmente, almeno far luce su molti passaggi. E’ sacrosanto il diritto della famiglia di venirne a conoscenza.

Papa Francesco si è fatto portatore del “Costruiamo ponti e non innalziamo muri” afferma Pietro. La grandissima adesione di così tanta gente a questa nuova Petizione rispecchia la volontà di un Paese intero che non ci sta a far finta di niente:  trapela un forte senso di Giustizia. Il muro di omertà eretto dal Vaticano deve essere abbattuto dal principio del Diritto.

Non bisogna accettare mai un’ingiustizia” che sia un giorno, una settimana, o la si subisca incomprensibilmente da ben 34 anni.

Rainbow

Precedente Accordo Magistratura-Vaticano Successivo Femminicidio: inaugurato a Roma il Muro delle Bambole

10 commenti su “Pietro Orlandi continua la sua battaglia e rilancia una nuova Petizione

  1. Simona Barontini il said:

    La verità su manuela è la verità di tutti non solo della famiglia,spero che papa francesco smetta di tacere,c è necessità di fare luce,farà bene a tutti.

  2. carmelina il said:

    IL PAPA HA DATO UDIENZA A TUTTI , BROSIO COMPRESO CON L’AIUTO DELLE IENE, PIETRO NON SAREBBE MALE PARLARE CON LE IENE GLI RACCONTI LA STORIA CHISSA’ COSA PUO’ SUCCEDERE .

    • Sarebbe bene incaricare qualcuno dei giornalisti (italiano o straniero), che accompagnano il Pontefice nei suoi viaggi all’estero, di porre la domanda cruciale su Emanuele Orlandi, direttamente a Papa Francesco, durante la sua conferenza-stampa in aereo (quando sembra che le domande non siano sottoposte a nessun “filtro” preventivo!!!….), per avere finalmente una risposta diretta sull’argomento! (M.S.)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.