Lettera aperta a Papa Francesco

Tramite il modulo di contatto sul blog di Emanuela Orlandi o via mail, pervengono numerosi messaggi indirizzati a Pietro. Parlano di speranza, incitano a non mollare la battaglia per la ricerca della verità, danno sostegno morale e ricordano sempre con affetto Emanuela Orlandi e Mirella Gregori. Il messaggio che vogliamo rendere pubblico ci ha particolarmente colpiti perchè indirizzato direttamente al Santo Padre e l’autore, il Sig. Francesco Z. che si definisce “un padre cristiano cattolico come tanti altri” ci fa sapere che se questo suo pensiero “arriverà ad essere letto da Sua Santità Papa Francesco e contribuirà a facilitare la ricerca della verità, che Pietro insegue da tanti, troppi anni, avrò ottenuto quanto più mi interessava quando ho scritto il messaggio e ne sarò contento per i famigliari e gli amici di Emanuela”.

Anche Pietro Orlandi ha fatto un appello a Papa Francesco (vedi) ricevendo l’appoggio di oltre 37 mila sottoscrizioni in una petizione sul sito di change.org.

Papa Francesco
Papa Francesco

A Sua Santità Papa Francesco

Da cristiano credente e praticante desidero implorare Sua Santità Papa Francesco di obbligare chi sa all’interno del Vaticano a mettere a disposizione del fratello di Emanuela Orlandi ogni documento che possa servire a conoscere la sorte di sua sorella Emanuela.

Sono convinto che su questa vicenda ci siano stati troppi depistaggi e troppi insabbiamenti, al fine di non far conoscere quanto è veramente accaduto a questa povera ragazza.

Credo che sia ora che emerga la verità, non per soddisfare la curiosità di tanta gente, ma per dare giustizia ad una fanciulla, la cui unica colpa è stata probabilmente quella di fidarsi di qualcuno che conosceva bene e che invece si è rivelato, sicuramente insieme ad altri, un orribile mostro.

Credo anche che i suoi famigliari, per trovare pace, abbiano il sacrosanto diritto di sapere dove è ora Emanuela per poterla riabbracciare, qualora, come tutti ancora speriamo, sia viva o per piangere sulla sua tomba nella triste evenienza che non lo sia più.

Si è letto sui giornali che qualche illustre personaggio dello Stato di cui Sua Santità è Pontefice disse, a suo tempo, che rendere pubblica tale documentazione avrebbe creato imbarazzo al suo Stato.

L’imbarazzo di ogni discepolo di nostro Signore Gesù Cristo non è causato dal rivelare la verità, qualunque essa sia, ma dal nasconderla. Anche tra i dodici c’era un traditore del Maestro: Giuda.

Gli altri undici però non hanno cercato di nascondere questa triste verità, anzi hanno fatto sì che venisse a conoscenza di tutti. La verità non offusca mai l’immagine di Dio, anzi la esalta: Dio stesso è Verità assoluta. In questo è la forza della nostra fede!

Mi scusi il disturbo che Le ho arrecato, ma come cristiano della Santa Chiesa Cattolica mi sono sentito obbligato a farLe presente questi sentimenti che, ritengo, sono anche condivisi da altri fratelli in Cristo Gesù.

Francesco Z.

Precedente Femminicidio: inaugurato a Roma il Muro delle Bambole Successivo "Enigma" - Rai Tre - Il caso Emanuela Orlandi

6 commenti su “Lettera aperta a Papa Francesco

  1. Simona Barontini il said:

    Papa francesco vogliamo sapere il tuo parere su queste vicende,che non posso essere chiuse,tutto questo è allucinante,non e scritto che la verità rende liberi!!!

  2. Giovanna De Canio il said:

    Lo scorrere del tempo accresce il nostro desiderio di VERITA’ : Papa Francesco ascolta il grido del tuo popolo !!!

  3. Giovanna De Canio il said:

    Quale sorte è stata riservata ad Emanuela ed a Mirella?
    Da troppi anni le rispettive famiglie rimangono, straziate dal dolore, in attesa di una risposta.
    Il successore di Pietro, con un gesto di umana pietà, dovrebbe darla: che Dio lo illumini su questo punto…

  4. Antonella Vinaccia il said:

    secondo me è fatica spesa per niente: pur ammettendo che Francesco, o chi per lui , decida di far luce sul fatto ,rischierebbe ciò che hanno rischiato alcuni suoi predecessori spariti improvvisamente dal mondo.
    Non credo che la chiesa accetti di alzare il velo su alcune realtà di malcostume.
    Ma te Pietro, quando hai accettato un impiego nel vaticano , non hai avuto l’impressione che ti fosse offerto uno ” scambio” , un “risarcimento”?

  5. Vitale Cominelli il said:

    Sono pienamente d’accordo con quanto scritto da Francesco. A tal proposito anch’io avevo scritto al papa e credo che se fossero in molti a farlo, le cose cambierebbero.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.