Indagini interne sulla tomba in Vaticano. Pietro: “E’ una svolta storica”

«Dal Vaticano abbiamo avuto conferma che sono state avviate le indagini». Così la legale della famiglia Orlandi, Laura Sgrò, sulla nuova pista secondo cui i resti di Emanuela si troverebbero in una tomba del cimitero teutonico in Vaticano. In 35 anni dalla sparizione, sono le prime indagini avviate dalla Santa Sede: «Prima – precisa l’avvocato – erano state delegate alle autorità italiane». «Non ho una comunicazione ufficiale da fare al riguardo. Visto il tema è bene avere tutti gli elementi», ha commentato il portavoce ad interim della Santa Sede, Alessandro Gisotti, durante un briefing con i giornalisti in sala stampa. Soddisfatto Pietro Orlandi: “Si tratta di una svolta storica”.

Precedente “Emanuela Orlandi vittima di corruzione sessuale in Vaticano”. Intervista ad Alessandro Meluzzi Successivo Atlantide: Andrea Purgatori

Un commento su “Indagini interne sulla tomba in Vaticano. Pietro: “E’ una svolta storica”

  1. Manduca Maria Saveria il said:

    Ma il Vaticano le indagini la svolge da solo o c’è anche qualche rappresentante della polizia italiana? E quando la tomba sarà aperta, ci sarà qualche perito della famiglia Orlandi ad assistere alle operazioni di scavo, catalogazione reperti e e, soprattutto, analisi degli stessi?
    Se il Vaticano farà tutto questo senza nessuno che vigili sul suo operato, temo che non si troverà (o non si vorrà trovare) niente nemmeno stavolta.
    Un forte abbraccio a Pietro e ad Emanuela, ovunque essa sia…

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.